Pompei, santuario, scavi archeologici e il Vesuvio

Pompei è conosciuta nel mondo soprattutto per i suoi scavi archeologici, dichiarati “Patrimonio Mondiale dell’Umanità” dall’Unesco nel 1997, che hanno portato alla luce l’antica città sommersa dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Questo vulcano esplosivo in stato di quiescenza dal 1944, situato nel territorio dell’omonimo Parco Nazionale istituito nel 1995, è meta preferita da tanti turisti che desiderano visitare fare trekking lungo le sue pendici e percorrere i suoi numerosi sentieri, entrando in contatto con la sua ricca flora e fauna.

La terribile eruzione del Vesuvio che seppellì Pompei il 79 d.C. ha lasciato ai posteri la possibilità di apprezzare e visitare la Città così come si presentava agli antichi abitanti poco prima della catastrofe. I pompeiani non sapevano che il “monte Vesuvio” fosse un vulcano. Plinio il Giovane, ospite nella casa di suo zio Plinio il Vecchio, storico, scienziato e comandante della base navale di Miseno, ci ha lasciato un prezioso documento che descrive i giorni dell’eruzione (leggi).
I terremoti che avevano preceduto l’eruzione non insospettirono i pompeiani che erano ancora occupati nel restauro degli edifici colpiti dal forte sisma di 17 anni prima. Pompei, insieme alle città vicine di Stabia, Ercolano ed Oplontis offre al visitatore contemporaneo una suggestiva ed impareggiabile esperienza. Passeggiare tra le strade ed i vicoli, affacciarsi nelle varie case ed officine, visitare i templi e le terme di 2000 anni fa in un area di oltre 66 ettari … è possibile farlo solo a Pompei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.